Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Finale Emilia, il Comune sbaglia la mail e un trentina di aziende sono senza risarcimenti terremoto

da | Mar 4, 2014 | Finale Emilia, Notizie, Ricostruzione | 0 commenti

oddit 14 finale emilia 19Un errore “in buona fede” (un indirizzo mail copiato male, a quanto pare) e una trentina d’aziende rimangono senza il pagamento di marzo del risarcimento per il terremoto e dovranno aspettare fino al 10 aprile per avere i soldi che spettano loro.  “E’ carnevale ogni scherzo vale? Non c’è nulla da scherzare”, sono amari dal comitato Finale Emilia terremotata che ha denunciato l’accaduto.Scrivono: “Lunedì 10 Marzo 2014 è la giornata del pagamento della “cambiale Errani”,la giornata tanto agognata dalle piccole imprese che dal sisma del 2012, grazie alla burocrazia troppo burocratica, si trovano a fare da banca alle banche. Tale gioia non verrà assaporata da tutti, infatti almeno 30 pratiche (centinaia di migliaia di euro), per cui circa 30 ditte, non potranno essere saldate dal proprio Istituto di Credito per via di un errore commesso dagli uffici preposti alla ricostruzione del Comune di Finale Emilia e dovranno a malincuore attendere il (lontano) 10 aprile 2014 per poter vedere gratificati i propri sforzi”

“La cosa – osservano dal comitato – è tragica: basti pensare che ditte interessate forse non sono ancora tutte al corrente dell’accaduto, solo alcune imprese e dopo avere telefonato alla banca hanno appreso dell’errore, ancora tanti sono certi di riscuotere e di poter pianificare i propri impegni di attività (…) le imprese che non potranno contare sulla liquidità il 10 marzo 2014, sono le stesse ditte che, forse, non potranno pagare gli stipendi ai propri dipendenti … e di conseguenza tanti onesti e laboriosi padri di famiglia non potranno garantire il pasto ai propri figli”.

Non c’è proprio modo di rimediare all’errore, i tempi sono scadenzati con precisione svizzera e nessuna eccezione è contemplata: gli imorenditori, come al solito, dovranno arrangiarsi da soli.