Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Balzani non piace a Modena, ma lui va forte: quasi 6 mila firme per la candidatura

da | Set 12, 2014 | Elezioni | 0 commenti

balzaniQuasi 6 mila firme, di cui appena… 76 raccolte a Modena. Nel grande successo che sta mietendo Roberto Balzani, unico candidato alle primarie Pd per la presidenza della Regione al momento fuori da ogni inchiesta giudiziaria, brilla per la sua mancanza il sostegno modenese. Sarà che prima divisi tra Richetti, Bonaccini e Palma Costi, i modenesi potevano scegliere in casa di sostenere gli autoctoni, ma a oggi che Palma Costi si è ritirata, Richetti ha mollato e Bonaccini è in bilico in quanto indagato nell’inchiesta spese pazze, forse la nostra provincia è scioccata e non si vuole più esprimere.

Tant’è.

Lui è pronto alla corsa: “Con la coraggiosa decisione di Stefano Bonaccini si apre la campagna per le primarie. Finalmente”, scrive su Facebook, Roberto Balzani. “Saremo due – ha continuato – il terzo, Riva (di Centro democratico), si è ritirato, pare per effetto di pressioni romane (Pd e partito suo), desiderose di far saltare la competizione. Perché è chiaro che il disegno era questo”.

L’ex sindaco di Forlì Roberto Balzani, rispetto al limite minimo delle 4mila firme, imposto dal regolamento per presentare la candidatura, ne ha depositate 4.800, di fronte a una disponibilità di oltre 5.900 firme. “Per ragioni di tempistiche legate alle procedure burocratiche e per essere certi di non sforare i rigidi termini previsti dal regolamento (che impone un  massimo di 5mila firme raccolte) – hanno spiegato dal comitato – si è deciso di non depositarne altre. Siamo comunque orgogliosi per questo risultato che deriva dalla modalità con cui finora è stata condotta la campagna: attraverso i banchetti nei luoghi pubblici, nelle piazze, alle feste democratiche, a diretto contatto con le persone con le quali si è discusso di problemi concreti, dalla necessità di implementare l’investimento sul ferro per  le esigenze dei pendolari, alla riduzione dei tempi d’attesa in ambito sanitario“.
Queste le cifre delle firme raccolte nel dettaglio in ogni singola provincia: Forlì-Forlimpopoli 1.290, Cesena 324, Bologna 506, Ravenna 781, Parma 333, Piacenza 250, Imola 291, Reggio-Emilia 343, Modena 76, Rimini 476, Ferrara 154.