La Bassa crollava sotto il sisma e loro pensavano ai futuri affari – AUDIO

da | Gen 29, 2015 | In Primo Piano, Approfondimenti, Ultime news | 0 commenti

“Oh…l’hai sentita l’altra scossa?. Uhhh…a Carpi pure…pure fino a Cavezzo…stanno facendo una proposta di fare tutto di legno…dobbiamo preparare tutte le società…quattro società sicure!…secondo me dobbiamo iniziare a lavorare…già un paio di cutresi sono andati prima di noi…eh!…che noi parliamo e quelli fanno”.

Ci vuole stomaco per ascoltare questa registrazione, che è l’intercettazione dei due indagati ritenuti tra gli organizzatori dell’associazione a delinquere di stampo mafioso, contestata nell’inchiesta sulla ‘ndrangheta Aemilia. Ci vuole stomaco per sopportare i sentimenti che salgono a pensare ai familiari o agli amici morti, ai danni subiti, al trauma che ancora spesso si fa sentire. La Bassa piangeva e loro pensavano agli affari, preoccupati che altri arrivassero primo di loro.

La registrazione è riportata dal Resto del Carlino Modena, e risale alle 13 del 29 maggio 2012, poche ore dopo la scossa letale delle 9 del mattino.

 

Clicca qui per ascoltare dal sito del Carlino