Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Per le scuole Frassoni chiesto l’incidente probatorio: si capirà se c’è cemento depotenziato o no

da | Ott 19, 2016 | In Primo Piano, Mirandola, Finale Emilia | 0 commenti

A Finale Emilia per le scuole Frassoni la Procura ha chiesto l’incidente probatorio. L’obiettivo è capire se come risulterebbe dalle intercettazioni nella struttura ci sia cemento depotenziato oppure no.

La procura ha depositato la richiesta al giudice per le indagini preliminari ipotizzando che i 19 indagati nell’inchiesta Cubetto abbiano realizzato una truffa aggravata ai danni dello Stato per  far passare il cemento non di qualità che avrebbero usato nella scuola come buono, facendolo pagare a prezzo più alto.

Le indagini degli inquirenti – si legge su Prima Pagina –  si sono focalizzate su diversi edifici realizzati nella zona terremotata dalle aziende indagate, la Betonrossi di Piacenza e la AeC di Mirandola incaricata della costruzione delle scuole. La procura ha indagato 19 soggetti tra persone fisiche e aziende, procedendo con le analisi dei mattoni sulla scuola. Ora solo per le Frassoni la procura ha richiesto un incidente probatorio in cui si dovrà fornire risposta a 7 quesiti. «Si è mirata la richiesta perché è un’indagine complessa, perciò le indagini sono molto lunghe – spiega il procuratore Lucia Musti – Isolando il fascicolo relativo alle Frassoni per l’incidente probatorio la procura sta cercando di velocizzare, nel limite del possibile, i tempi in cui riconsegnare le scuole alla comunità».