Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Cemento depotenziato, il sospetto: “E’ stato usato anche altrove”

da | Apr 26, 2017 | Finale Emilia, Medolla, Cavezzo | 0 commenti

Non c’è solo la scuola media Frassoni di Finale Emilia nell’occhio degli inquirenti che sospettano l’uso di cemento depotenziato nella ricostruzione. Al vaglio della Procura di Modena infatti ci sarebbero almeno altre sette strutture sparse in tutta la Bassa in cui si teme che sia state usate materie prime scadenti che mettono quindi a rischio la tenuta sismica. 

Le scuole “blindate” in attesa di capire l’esito del processo

Secondo indiscrezioni di stampa gli inquirenti sono al lavoro per scandagliare come sono state tirate su l’azienda Zimor di Finale Emilia, la Medica di Medolla, l’off Mecc di Mirandola, l’Acetum di Cavezzo e l’Agritecnica di San Felice sul Panaro e la nuova sede della Marchesini group inaugurata ad  a Carpi. I sospetti di presenza di un calcestruzzo con resistenza caratteristica a compressione inferiore a quello prescritto negli elaborati strutturali, riguardano anche due fienili del ferrarese, di proprietà di Ennio Manuzzi, ex presidente di Confindustria Ferrara e titolare della ceramica Sant’Agostino.

Il lavoro della Procura ha già portato a 15  persone indagate per associazione a delinquere per truffa e falso nell’operazione “cubetto” della squadra mobile di Modena. Il nome dell’operazione “Cubetto” deriva dai campioni di cemento, detti cubetti, utilizzati per alterare le analisi di laboratorio effettuate. Gli indagati sono ritenuti responsabili di fornire ed utilizzare del calcestruzzo depotenziato per opere effettuate nella ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2012.

Le indagini, iniziate nel dicembre del 2015 sono state coordinate dalla procura della Repubblica di Modena. Nel corso delle stesse è stato accertato il coinvolgimento di due importanti aziende del Nord Italia operanti nel settore della fornitura di calcestruzzi e inerti. Agli indagati è stata contestata anche la falsificazione delle certificazioni inerenti le caratteristiche tecniche del calcestruzzo.