Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Platis e Neri (FI): “Sulla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola serve chiarezza”

da | Apr 23, 2018 | Mirandola | 0 commenti

All’indomani della diffusione della notizia dell’indagine per truffa che coinvolge il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, si cominicano ad agitare le acque politiche.

“È necessario fare piena luce sulla vicenda e rassicurare i consigli comunali. Per questo – spiegano Mauro Neri e Antonio Platis, consiglieri Forza Italia – abbiamo chiesto la convocazione della Commissione Controllo e Garanzia dell’Unione e chiediamo al CDA della Fondazione di relazionare sull’attività, in particolare per i quasi 8 milioni di euro dati in gestione diretta al Presidente.
Gran parte dei membri della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola – ricordano i consiglieri azzurri – sono nominati dai sindaci, tanto è vero che il presidente dimissionario Belluzi era stato indicato dall’Unione Area Nord.
È prioritario avere delle rassicurazione se si tratta di procure speciali o deleghe, come previste dallo statuto, per la gestione di massimo 1/10 del patrimonio della Fondazione. Inoltre chiediamo qual è l’orizzonte temporale dell’investimento compiuto e finito sotto la lente della Guardia di Finanza e, soprattutto, se gli investimenti fatti sono aderenti al mandato.Che cosa è stato comprato? Con quali intermediari?
Siamo garantisti, ma, al contempo, chiediamo la massima trasparenza alla Fondazione che gestisce circa 120 milioni di euro della nostra collettività.
Attendiamo, inoltre, le candidature per il bando pubblicato dall’Unione – sottolineano i consiglieri Neri e Platis – per individuare una nuova figura da inserire nel consiglio della Fondazione e chiediamo che vengano vagliate con grande attenzione e per individuare una persona di garanzia, rappresentativa del territorio e con un profilo professionale adeguato. Vigileremo affinché non vengano fatte, come in passato, valutazioni più sul curriculum politico che per l’attività lavorativa svolta.

LEGGI ANCHE:

8 MILIONI IN DIAMANTI, INDAGATO PER TRUFFA GIOVANNI BELLUZZI