Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia

da | Ott 22, 2018 | Curiosità, Nonantola, Sport e Motori | 0 commenti

Dall’1 al 4 novembre Modena è la capitale mondiale degli sport invernali grazia Skipass, il salone del turismo e degli sport invernali. Per la 25esima edizione della manifestazione punto di riferimento per il settore ModenaFiere ospita l’unica tappa italiana della Coppa del Mondo Fis di Big Air con 140 atleti che si sfideranno sul trampolino alto oltre 46 metri.

In questi giorni, infatti, svetta nell’area esterna del quartiere fieristico l’imponente trampolino, 46 metri di altezza e 130 metri di lunghezza, il più grande mai costruito in Italia. Lì si sfideranno 140 atleti di livello internazionale, tra campioni olimpici, mondiali e vincitori di Coppa del mondo impegnati nelle due gare della Fis World Cup di Big Air con le competizioni mondiali di freeski e snowboard che Skipass si è aggiudicata.

Le competizioni cominceranno giovedì 1 novembre all’apertura della manifestazione a ModenaFiere. Le finali di snowboard della Coppa del Mondo Fis di Modena si terranno nella serata di sabato 3 novembre, mentre la gara di Freeski chiuderà il weekend domenica 4 novembre.

Occhi e telecamere di tutto il mondo puntate su Modena, dove nei giorni di Skipass si attendono oltre 80mila visitatori. Novità dell’edizione 2018 di Skipass è Vette di Gusto, per promuovere il turismo enogastronomico d’alta quota con showcooking e incontri dedicati alla cucina alpina e dell’Appennino tosco-emiliano.

“Ancora una volta – ha commentato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini – la nostra regione ospita un evento sportivo internazionale. La Regione sta facendo la sua parte, investendo nel 2018-2020 circa 7 milioni, il 60% in più rispetto al triennio precedente, per i grandi eventi sportivi e la promozione”.

“Dal 2015 ad oggi – ha aggiunto l’assessore regionale al Turismo e commercio Andrea Corsini – abbiamo investito in tutte le venti stazioni sciistiche 11 milioni di euro, una cifra importante che ha consentito in qualche caso anche di salvare impianti”. Cimone e Corno alle Scale quelle che hanno beneficiato di più degli interventi regionali e altre misure sono in arrivo.