Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

7 gennaio 2005 – 7 gennaio 2020: quindici anni fa la tragedia di Crevalcore

da | Gen 7, 2020 | In Primo Piano, Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro | 0 commenti

FINALE EMILIA, SAN FELICE E MIRANDOLA –  7 gennaio 2005 – 7 gennaio 2020: quindici anni fa la tragedia di Crevalcore. In un incidente ferroviario persero la vita 17 persone, 80 rimasero ferite.

Il dramma lasciò nella Bassa tanti lutti. C’è un cippo oggi che ricorda Ciro, Equizio, Matteo, Mauro, Vincenzo, Paolo, Francesco, Donatello, Diana, Claudia, Andrea, Daniel, Alberto, Bruno, Banca, Mario ed Anna, le vittime di quel giorno maledetto: erano le 12.53 del 7 gennaio 2005 quando l’interregionale 2255 diretto a Bologna si scontrò con il treno merci 59308, carico di putrelle. Finale, Massa e San Martino Spino piansero le loro vittime, e fu così anche a San Felice e Mirandola, luogo di lavoro di altre due delle vittime. Donatello Zoboli, Diana e Claudia Baraldini da Finale Emilia, Anna Martini da San Martino in Spino, Andrea Soncini  e Daniel Burali da Mirandola. Sono i cittadini della Bassa, sei su 17 vittime totali che il 7 gennaio 2005 hanno perso la vita nella strage di Crevalcore.

Per l’accusa a causare la strage fu l’errore umano di un macchinista che ‘bucò’ un semaforo rosso, scontrandosi col convoglio che arrivava in direzione opposta senza Scmt, Sistema controllo marcia, meccanismo automatico che blocca il treno in caso di mancato rispetto dei segnali.
Il processo si chiuse nel 2011 con l’assoluzione di dieci dirigenti delle Ferrovie e non ci fu appello. Per la legge gli unici responsabili furono il macchinista Vincenzo Debiase e il capotreno Paolo Cinti, oltre alla nebbia che avrebbe impedito di vedere due semafori rossi.

Oggi la cerimonia commemorativa si terrà a Crevalcore, alle 11.30 presso il Parco “7 gennaio 2005” alla Bolognina, con la deposizione di fiori al Cippo dedicato alle vittime. Alle 10 c’è la Messa.

Le parole dell’ex sindaco di Crevalcore Claudio Broglia:

Sono passati 15 anni da quel terribile 7 gennaio del 2005. Ma sembra ieri, tanto il ricordo è vivo e presente. Quando penso a quei giorni, penso a tanti particolari che ho impressi nella mente.
C’è una frase molto bella di Francesco de Gregori che dice “ mi piacerebbe accompagnarti per certi angoli del presente, che fortunatamente diventeranno curve nella memoria”. Ecco, questo angolo fa ancora fatica a diventare curva, però mi piace pensare a tutti i familiari delle vittime così, con il pensiero di averli accompagnati in tutti questi quindici anni e negli anni a venire perché si smussi sempre un po’ di più quell’angolo e finalmente diventi curva. Saremo tutti lì con loro per ricordare quel giorno e sentirci tutti parte di una grande comunità, come sempre ha saputo essere Crevalcore.