Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Promesse barricate contro la discarica di Villafranca

da | Gen 27, 2020 | In Primo Piano, Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro, Concordia, Medolla, Cavezzo, Camposanto, San Possidonio, San Prospero, Bomporto, Bastiglia | 0 commenti

MEDOLLA – I residenti di Villafranca di Medolla sono pronti a fare le barricate, e sono già state raccolte oltre una cinquantina di firme per la costituzione del Comitato ‘antidiscarica’. E’ stata promessa la lotta e l’utilizzo delle vie legali, se necessario. Alla fine degli anni Ottanta Gian Carlo Muzzarelli, allora assessore provinciale, aveva promesso che avrebbe concluso il suo ciclo dopo 35 anni. Gianni Roncadi e Simona Frazzoli, che abitano a ridosso dell’area, affermano: “Ora non può tornare in funzione e accogliere 245mila tonnellate di rifiuti speciali tra cui varie tipologie di fanghi pericolosi, perché ricchi di metalli pesanti”.

Nel corso dell’incontro di venerdì sera all’Auditorium di Medolla, promosso dalle liste civiche ‘Medolla per il Cambiamento’ e ‘Indipendente Medolla’ al quale hanno partecipato politici di vari schieramenti, numerosi residenti, e anche cittadini di Finale, Camposanto, San Felice, San Prospero, essendo la discarica al confine con più Comuni. Tra gli invitati anche il sindaco Alberto Calciolari, che tuttavia non ha partecipato «perché – ha spiegato ieri – stiamo facendo incontri individuali con i residenti, e inoltre ho già detto tutto nella conferenza in sede Aiamag, riportata dalla stampa locale».

Maurizio Poletti, portavoce dell’Osservatorio Civico Ora Tocca a Noi di Finale, che oggi lotta contro l’ampliamento della discarica di Finale, dati alla mano, sottolinea che “il sito è considerato area depressa ad elevata criticità e inondazione, senza contare il flusso veicolare di 25 mezzi pesanti al giorno, per un totale di 16.500 transiti l’anno. Quella discarica non deve partire”.

Discarica di Medolla