Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Riapre la discarica di Medolla: qui verranno messe 245 mila tonnellate di rifiuti speciali

da | Gen 19, 2020 | In Primo Piano, Mirandola, Finale Emilia, Medolla | 0 commenti

Riapre la discarica di Medolla: qui verranno messe 245 mila tonnellate di rifiuti speciali. Lo ha scoperto, scartabellando tra le delibere di Giunta, Lavinia Zavatti, capogruppo della lista di minoranza ‘Medolla per il Cambiamento’. Una notizia così importante non viene comunicata attraverso le vie ufficiali, ma spunta fuori così, sei anni dopo che la discarica per rifiuti di via Campana, nella frazione di Villafranca, venne chiusa. Era il 2014.

«Dopo settimane di pec e continue richieste a causa dell’imperdonabile ritardo nella pubblicazione degli atti, che per legge deve essere tempestiva ed immediata, oggi, con ben due mesi di ritardo dall’ultimo atto approvato, è stata pubblicata dall’amministrazione comunale di Medolla la deliberazione di giunta n.105, la quale, dopo un’interminabile serie di premesse, delibera la riapertura ed ampliamento della discarica di villafranca sita in via campana, da anni chiusa. In una terra già così inquinata, i medollesi saranno vittime ora di un altra minaccia per l’ambiente e la salute. Oltre ad essere vittime di un aumento IRPEF, ora il comune cerca di “rattoppare” il Danno elemosinando pochi spiccioli da aimag per porre un misero rimedio al problema, creandone uno di ben altra entità. Tenere i cittadini ed i consiglieri all’oscuro di tutto ciò, cercando di ritardare la pubblicazione di tali atti è a dir poco vergognoso», racconta la Zavatti.

Nel 2019  Aimag ha presentato domanda di attivazione della procedura autorizzatoria e di valutazione di impatto ambientale. L’ufficio tecnico comunale ha dato parere favorevole, e l’inizio lavori è previsto per l’anno in corso mentre per i conferimenti dei rifiuti in discarica avranno la durata di circa 4 anni, fino al 2025 per una previsione di 245mila tonnellate di rifiuti.

«Si tratta – spiega ancora Zavatti – di rifiuti speciali prodotti da impianti Aimag, tra cui il compostaggio di Fossoli, di Finale, l’impianto Ca.Re depuratori di Aimag. Ci opporremo con ogni mezzo alla riattivazione della discarica dismessa dopo le tante proteste dei cittadini».

 

LEGGI ANCHE