Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Disabilità e diritto al lavoro – Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina

da | Apr 30, 2020 | Finale Emilia, Rubriche, Disabilità e diritto al lavoro | 0 commenti

Si chiama “Disabilità e lavoro” la rubrica che Sul Panaro ha deciso di ospitare sulle sue pagine. La tiene l’esperta di risorse umane Francesca Monari.

E’ uno spazio in cui parleremo di tutti i problemi connessi all’inserimento prefessionale di persone con disabilità, certificata e e non, cercando da dare tutti i punti di vista. Facciamo  parlare gli imprenditori per capire quali sono i profili più interessanti e se vivono l’obbligo di inserimento lavorativo come un limite o come un’opportunità. Diamo spazio ai formatori e ai responsabili delle  risorse umane, mostriamo obblighi di legge e novità normative. E naturalmente, ci saranno anche i lavoratori o aspiranti tali. Uno spazio per tutti, per capire meglio questo complesso mondo.

Cristiana Casarini  “Chi usa una carrozzina sa bene che essa fornisce un  diverso punto di osservazione della vita: ti mette davanti a situazioni a volte difficoltose, spesso inconsuete, ti presenta modi insoliti di guardare il mondo e inevitabilmente ti arricchisce”

 

Cristiana è la segretaria del sindaco di Finale Emilia, da tre mandati, e curatrice della pagina istituzionale del Comune per cui lavora.

 

Cosa vuol dire per te lavorare? 

“il lavoro fa la differenza per tutti”.

Approfondendo, non bisogna sempre dividere gli argomenti e gli approcci fra “normali” e disabili, ciò che vale per uno vale anche per l’altro.

Se hai un lavoro, puoi realizzare sogni, bisogni, aiutare la tua famiglia, aiutare gli altri. Il lavoro è un’opportunità che ciascuno dovrebbe avere. Il lavoro può essere una realizzazione, soprattutto se parliamo di professione scelta, sognata e realizzata. Io volevo essere un medico di elisoccorso o di traumatologico, forse per la mia vena un po’ sadica! Non ho potuto perseguirla, ma mi sono ritrovata comunque, a svolgere una mansione che mi piace, mi entusiasma e mi dà soddisfazione. Anche questo è il lavoro”.

 

Cristiana è inoltre promotrice di diverse iniziative culturali. Collabora con un’associazione la cui missione è quella di dare spazio a tutte le forme d’arte e di valorizzazione del territorio, con un’ associazione enogastronomica per la quale ha organizzato corsi, eventi, ed attività a scopo sociale,  un altro posticino, racconta, è riservato ad una famosa fondazione, che raccoglie fondi per la ricerca sulla distrofia muscolare.

 

 

E tra il lavoro, il volontariato e la famiglia hai scritto inoltre tre libri e diverse poesie… “eh già, non posso dire che la mia vita sia povera, soprattutto di sentimenti o persone care: al mio fianco ho sempre mio marito Claudio con il quale vivo, i miei genitori molto presenti, mio fratello, mio nipote e anche un animale domestico, perché la sera quando ti ritrovi a letto un peloso che si accuccia fra le tue gambe, facendoti sentire il suo incondizionato amore è il ritratto ed il calore della famiglia”.

 

“Tempo per fare altro non ne ho” dice… e ci crediamo!

 

LEGGI ANCHE

L’autismo ai tempi del Coronavirus

“Non impariamo per la scuola, ma per la vita” Seneca

La storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara

Disabilità e lavoro, intervista a Enrica Quaglio, manager risorse umane

Disabilità e diritto al lavoro. In scadenza il prospetto informativo disabili 2020