Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Mortalità e Coronavirus: i dati dell’Istat confermano decessi più che raddoppiati nella Bassa

da | Apr 17, 2020 | Senza categoria | 0 commenti

MIRANDOLA, CAVEZZO, SAN FELICE, FINALE, CAMPOSANTO, CONCORDIA, MEDOLLA, SAN PROSPERO, SAN POSSIDONIO, NONANTOLA, SOLIERA, RAVARINO, BOMPORTO E BASTIGLIA – Lo avevamo anticipato noi con la nostra inchiesta, ora arriva anche l’Istat a mostrare come le morti siano incrementate dopo l’arrivo del Coronavirus e aumentate esponenzialmente.

Dall’analisi congiunta dei dati Istat e della Protezione Civile, il Centro Studi Nebo ha tracciato una linea della mortalità di marzo 2020 rispetto a quella degli altri anni nello stesso mese: in Emilia-Romagna si è passati da 2.000 decessi a oltre 4.000. I dati pubblicati dall’Istat relativi alla mortalità generale 2020 fino al 28 marzo riguardano solo 1.450 Comuni dei 7.904 totali che coprono una popolazione di 17 milioni di abitanti (equivalenti al 28% del totale nazionale). Le singole regioni però contribuiscono in modo molto differente a questa statistica. Per questo motivo il Centro Studi Nebo ha focalizzato l’attenzione su alcune delle regioni più colpite e dal Coronavirus e tra queste c’è l’Emilia Romagna.

La popolazione dell’Emilia-Romagna è rappresentata da 157 Comuni su 328, dove risiede la metà degli abitanti della regione e che includono 4 Comuni capoluogo di provincia (Parma, Piacenza, Modena, Rimini). Non si tratta dunque di numeri assoluti, ma legati a metà dei comuni presenti sul territorio, quindi suscettibili diverse variabili.

Nei comuni dell’Emilia Romagna, a fronte dei quasi 2.000 decessi, solitamente registrati nelle prime quattro settimane di marzo, degli anni precedenti, per lo stesso periodo del 2020 sono stati invece rilevati un totale di circa 4.100 decessi, suddivisi in:

  • la mortalità generale attesa, stimata in circa 1.750 decessi, considerando la più contenuta mortalità rilevata in gennaio e febbraio rispetto ai precedenti anni;
  • la mortalità correlata a Covid19, stimata in quasi 650 decessi, circa la metà di tutti i decessi dichiarati dalla Protezione Civile per la regione Emilia Romagna tra l’1 e il 28 marzo (1.340), atteso che nei 157 Comuni selezionati si verificano il 48% circa dei decessi dell’intera regione;
  • la mortalità per altre cause, quantificata in 1.700 decessi, che unitamente alle morti correlate al Coronavirus rilevate dalla Protezione Civile costituisce la supermortalità riscontrata nei Comuni selezionati ma della quale non è ancora disponibile la causa.

Nel dettaglio, i dati dei decessi in particolare nei comuni di Modena e della Bassa:

MODENA: 225 decessi nel 2019 contro 292 nel 2020. +29,8%
BASTIGLIA: 4 decessi nel 2019 contro 8 nel 2020. +100%
BOMPORTO: 6 decessi nel 2019 contro 12 nel 2020. +100%
CARPI: 74 decessi nel 2019 contro 120 nel 2020. +62,2%
NOVI: 20 decessi nel 2019 contro 13 nel 2020. -35%
RAVARINO: 3 decessi nel 2019 contro 8 nel 2020. +166,7%
SOLIERA: 13 decessi nel 2019 contro 26 nel 2020. +100%

LEGGI ANCHE:
Aumentano i morti nei nostri Comuni, ecco cosa sfugge ai dati ufficiali sul Coronavirus