Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Mirandola, Ganzerli: “Su tante opere la Giunta Greco vive di rendita”

da | Giu 19, 2020 | Mirandola | 0 commenti

MIRANDOLA – L’allargamento del tecnopolo, il nuovo Bocciodromo, la nuova Biblioteca, il recupero del Teatro, la nuova Stazione delle corriere, i nuovi parcheggi all’Ospedale, i lavori per la rete di teleriscaldamento in centro storico: sono tutti progetti della precedente Giunta di centrosinistra che l’attuale amministrazione di centrodestra sta solo accompagnando a conclusione. E’ la denuncia del capogruppo Pd in Consiglio comunale a Mirandola Roberto Ganzerli:

“In questi giorni abbiamo visto sui giornali il sindaco Greco e tutta la Giunta annunciare l’inizio dei lavori per l’allargamento del Tecnopolo come se fosse una loro idea, un loro realizzazione. Non è così! Negli anni scorsi sono stati predisposti dalla Giunta precedente importanti progetti e investimenti per ammodernare Mirandola, e per fortuna, perché dopo un anno di governo della città, la Giunta leghista non ha presentato una sola idea originale. Gli attuali amministratori stanno vivendo di rendita sui progetti, sugli investimenti, sulle idee della passata Giunta di centrosinistra.  Oggi sono tante le realizzazioni in atto a Mirandola, ma non per merito loro. Vivono di annunci di opere che stanno solo accompagnando a conclusione: l’allargamento del tecnopolo, il nuovo Bocciodromo, la nuova Biblioteca, il recupero del Teatro, la nuova Stazione delle corriere, i nuovi parcheggi all’Ospedale, i lavori per la rete di teleriscaldamento in centro storico. Purtroppo L’emergenza sanitaria si va trasformando in emergenza economica: i Mirandolesi nei prossimi mesi dovranno affrontare situazioni sociali difficili e l’attuale Giunta sempre più si dimostra incapace di governare e dare risposte alle necessità dei cittadini e della Città. Anzi, uscendo dall’Unione si peggiora ulteriormente la situazione del nostro Comune, aumentandone l’isolamento. Queste scelte politiche sbagliate stanno impoverendo Mirandola, sia dal punto di vista politico istituzionale sia dal punto di vista della qualità dei servizi e della vita dei cittadini, isolandola dal contesto sociale, politico e istituzionale”.