Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Mirandolexit, San Felice: il sindaco Goldoni risponde al PD

da | Giu 19, 2020 | Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro | 0 commenti

SAN FELICE – Non si è fatta attendere la replica del sindaco di San Felice sul Panaro Michele Goldoni alle parole degli esponenti del Pd Nicolò Guicciardi e Andrea Ratti sull’Unione dei Comuni. La riportiamo di seguito in forma integrale:

«Forse gli esponenti del Pd Nicolò Guicciardi e Andrea Ratti hanno qualche problema di memoria. O sono solo un po’ distratti. Ricordo loro che sono intervenuto pubblicamente già lo scorso 10 giugno per invitare gli amici di Mirandola a ripensare la loro uscita dall’Unione. E l’ho fatto senza bisogno delle loro sollecitazioni. Ribadisco che in un momento di difficoltà come l’attuale, quando c’è ancora più bisogno di fare “massa critica” nelle sedi che contano, l’Area Nord non può presentarsi divisa, indebolendosi.

Ogni Consiglio comunale, però, è sovrano e alla politica è demandata la possibilità di fare delle scelte, di cui poi ovviamente ognuno risponde. Il sindaco di San Felice non può certo “ordinare” al sindaco di Mirandola di non uscire dall’Unione.

Voglio anche ricordare che è partita propria da San Felice sul Panaro la mozione votata non all’unanimità e approvata nel Consiglio dell’Unione dello scorso 8 giugno, nella quale si proponeva una sostanziale riqualificazione dell’Unione e che poteva essere una base su cui far convergere tutto il Consiglio per avviare una seria e serena riflessione sul futuro dell’Ente.

Ebbene questo ordine del giorno non è stato votato dal Pd che ha preferito arroccarsi su alcuni distinguo a mio avviso superabili, perdendo una grande opportunità per dare un forte segnale di unità tra le forze veramente intenzionate a lavorare per il bene di tutto il nostro territorio. E San Felice sul Panaro è sicuramente da annoverare tra queste».