Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Discarica di Finale, i 5 Stelle: “Ora non si parli più di ampliarla”

da | Dic 27, 2016 | Finale Emilia | 0 commenti

“C’è da sperare soltanto che il cambio di maggioranza porti con sé una discontinuità netta rispetto ai comportamenti della giunta precedente, e che anche i consiglieri di opposizione la smettano una volta per tutte di continuare a prendere anche solo in considerazione I’ampliamento della discarica”. E’ quanto affermano i consiglieri del Movimento 5 Stelle Andrea Pavani e Mattia Veronesi all’indomani della notizia dell’inchiesta sull’eccesso di rifiuti portati nella discarica di Finale Emilia.
“Avremmo volentieri fatto a meno di leggere ancora una volta di illeciti nella conduzione della cosa pubblica del nostro Comune ma che ci fosse e ci sia un fenomeno diffuso di irregolarità, leggerezze lo abbiamo denunciato più volte – spiegano i consiglieri in una nota con il deputato dello stesso partito Vittorio Ferraresi – In attesa che si faccia luce sulla vicenda, la notizia della perquisizione del 15 aprile scorso nell’impianto di Feronia, società che gestisce la discarica di Finale Emilia e partecipata al 70% da Hera e l’avviso di garanzia all’amministratore delegato Riccardo Superbi, si inseriscono perfettamente nell’ambito del sistema Hera-PD che abbiamo denunciato più volte, e che è responsabile di una pessima gestione dei rifiuti nella nostra Regione.

La discarica, per la quale è stato richiesto un assurdo ampliamento della capacità di smaltimento dei rifiuti, starebbe secondo quanto riportato, gestendo un volume di rifiuti superiore a quello autorizzato e a quello, anch’esso oltre i limiti, riscontrato anche da Arpa, con grave rischio per la salute delle persone.

Già nel luglio 2014 il Movimento 5 Stelle e le altre opposizioni in visita ispettiva alla discarica, avevano chiesto al Presidente di Feronia Gianluca Valentini l’accesso ai dati relativi alla radioattività, alla presenza di amianto, al tipo e alla quantità di rifiuti, ai livelli delle emissioni, alle stesse dimensioni della discarica, ricevendo in cambio risposte vaghe o veri e propri dinieghi.
A fine febbraio l’ultimo acceso agli atti dell’Arpa e della Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa Servizio rifiuti e bonifica siti e per fortuna, grazie all’azione del Movimento 5 Stelle”

“Ora – proseguono i pentastellati – c’è da sperare soltanto che il cambio di maggioranza porti con sé una discontinuità netta rispetto ai comportamenti della giunta precedente, e che anche i consiglieri di opposizione la smettano una volta per tutte di continuare a prendere anche solo in considerazione I’ampliamento della discarica. Tutto il Movimento 5 Stelle di Finale Emilia manterrà come sempre alta la guardia per evitare illeciti e minacce alla salute dei cittadini. Ci definivano come i complottisti che vedevano sempre il marcio in tutto, oggi abbiamo ricevuto un’altra conferma che – chiude la nota –  eravamo e siamo dalla parte giusta!