Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Discarica di Finale, Lugli (Sc): “La gestione è fuori dal controllo del Comune”

da | Dic 23, 2016 | Finale Emilia | 0 commenti

“Appare sempre più evidente è che la gestione di Feronia è stata ed è fuori dal controllo del Comune di Finale Emilia, che fa parte della compagine societaria attraverso il 30% di Sorgea. Feronia dovrebbe essere uno strumento al servizio del Comune per il corretto smaltimento dei rifiuti, ma si è invece determinata una situazione che ha messo Finale Emilia al servizio degli interessi di Feronia al fine di ottenere in cambio denaro per le casse comunali”. E’ il commento del consigliere finalese di Sinistra Critica Stefano Lugli  alla notiziache l’amministratore delegato di Feronia, Riccardo Superbi, è indagato con l’ipotesi di reato di aver fatto arrivare nella discarica di Finale Emilia più rifiuti rispetto alla capacità autorizzata dell’impianto.

“Saranno le indagini e gli enti competenti a dirci cos’è arrivato in discarica e in che quantità, ma ciò che appare sempre più evidente è che la gestione di Feronia è stata ed è fuori dal controllo del Comune di Finale Emilia, che fa parte della compagine societaria attraverso il 30% di Sorgea. Feronia dovrebbe essere uno strumento al servizio del Comune per il corretto smaltimento dei rifiuti, ma si è invece determinata una situazione che ha messo Finale Emilia al servizio degli interessi di Feronia al fine di ottenere in cambio denaro per le casse comunali – scrive Lugli – Sarà compito delle indagini dirci se ciò è avvenuto per la miopia politica della giunta Ferioli o se l’attività di Feronia è stata viziata da reati, ma alla luce di quanto emerso le dimissioni dell’amministratore delegato Superbi ci appaiono un atto indispensabile.
Ed è indispensabile che Feronia ritiri definitivamente il progetto di maxi ampliamento della discarica da 1,8 milioni di tonnellate di rifiuti ancora oggi in sede di valutazione di impatto ambientale. Il consiglio comunale di Finale Emilia si è espresso con un netto no ad ogni ipotesi di ampliamento e Feronia deve immediatamente essere conseguente. Alla luce di quanto sta emergendo possiamo dire di aver fatto bene in questi anni ad opporci con forza contro questo progetto e che Finale Emilia l’ha scampata bella.
Proprio per questo non siamo interessati a nessuna presentazione del progetto di messa in sicurezza della discarica esaurita, proposta avanzata strumentalmente dal Pd nell’ultimo consiglio comunale con l’obiettivo di rimettere in discussione il progetto di ampliamento. Quel progetto è stato bocciato e non se ne parla più! Deve essere invece compito dell’Amministrazione attivarsi al più presto presso Atersir per ottenere un progetto di bonifica della vecchia discarica che sia sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico e che deve essere a carico di tutti i Comuni che negli anni hanno conferito a Finale Emilia i loro rifiuti.