Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Ampliamento discarica di Finale Emilia, si decide giovedì. E i cittadini protestano

da | Ago 8, 2017 | Finale Emilia | 0 commenti

 
+++++++++++++++++++++++++
 
La decisione sarà presa molto probabilmente giovedì, e già per la giornata sono in programma le proteste dei cittadini. L’appuntamento, convocato dall’Osservatorio Civico Ora tocca a noi, è in programma alle ore 10 presso il Direzionale 70 di Modena, dove si riunisce la Conferenza dei Servizi che riunisce tutti gli enti che hanno autorità sul destino della discarica, quindi Comuni, enti locali, Arpa e Ausl. I cittadini non sono invitati, e rimarranno all’esterno. Si parte da Massa Finalese alle ore 8.30 da via Monte Bianco.
 
Il progetto di ampliamento della discarica di Finale Emilia – che aumenterebbe la sua capacità di 770 mila tonnellate per i rifiuti speciali non pericolosi e per lo smaltimento di rifiuti solidi urbani in caso di fermata prolungata dell’inceneritore di Modena, si spiegava quando fu presentato –  era passato in cavalleria dopo che l’avvio dell’iter per ampliarla era stato avanzato da Feronia (società partecipata di Hera e Sorgea), nel 2014. Nel frattempo la discarica ha esaurito il suo potenziale, e nel 2016 non ha mai lavorato. Conseguenza, tutti i Comuni soci hanno avuto questa mancata entrata: Finale Emilia, Nonantola Ravarino, Crevalcore e Sant’Agata.
 
La crisi morde e di quel milioncino di euro che arrivava nelle casse dei Comuni si sente proprio la mancanza. Per questo è ricominciato il pressing su Finale Emilia: al Comune della Bassa spetta infatti concedere la variante al piano regolatore sull’area  – già opzionata da Feronia al proprietario per un milione di euro – dove sorgerà la discarica. Un potere di veto forte, che il sindaco di Finale sta usando e probabilmente userà anche giovedì, ma che può essere superato in un qualunque momento dagli enti superiori a partire dalla Regione. 
Un braccio di ferro che al momento non si sta giocando in attesa, appunto, della decisione della Conferenza dei Servizi che dovrà far sapere se l’ampliamento della discarica si può fare oppure no.