Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

Con Xlaw ora i ladri li cattura l’algoritmo

da | Gen 26, 2019 | Altri Comuni, Cronaca | 0 commenti

Si chiama XLaw ed è un algoritmo che serve a prevenire i reati. L’idea è dell’Ispettore Superiore Elia Lombardo che, dopo un lungo studio criminologico, ha sviluppato questa soluzione digitale innovativa in grado di prevenire i crimini predatori. Ora XLaw è utilizzata anche dalla Questura di Modena, come in molte altre città, e l’ultimo arresto, avvenuto giovedì 24 gennaio, è stato possibile grazie proprio all’algoritmo.

Intorno a mezzogiorno il numero di emergenza 112 NUE ha ricevuto una telefonata da una donna che si trovava nel parcheggio del Centro Commerciale “GrandEmilia” dove, poco prima, mentre stava caricando la spesa nel bagagliaio dell’auto con in braccio la figlia di pochi mesi, era stata sorpresa alle spalle da un ragazzo che dietro minaccia l’aveva costretta a consegnargli il denaro in suo possesso.

La Volante che si trovava nelle vicinanze a seguito di un alert elaborato dal sistema XLaw, che aveva indicato la possibilità della commissione di reati contro il patrimonio proprio in quella zona, è giunta sul posto nell’immediato e grazie alla descrizione particolareggiata fornita dalla vittima, ha individuato e bloccato l’uomo che si trovava ancora nel parcheggio.

Dalla perquisizione è rinvenuta nella tasca dei pantaloni la somma di euro 20, suddivisa in una banconota da 5 euro e in monete per i restanti 15 euro, che la vittima gli aveva consegnato sotto minaccia.

XLaw, che si basa sull’acquisizione di caratteristiche socio-ambientali del territorio e dei reati commessi, ricerca e mostra modelli criminali che si manifestano sul territorio in maniera ciclica. Grazie alla tecnica GIS, XLaw dà al poliziotto una mappa di rischio che raffigura ogni 30 minuti i luoghi e gli orari precisi in cui si potrà consumare un crimine.