Questo è l’archvio articoli di sulpanaro.net
Qui trovi tutti gli articoli che non sono più disponibili sul sito del nostro quotidiano

San Prospero: votato aumento tasse per 400mila euro

da | Giu 17, 2020 | San Prospero | 0 commenti

SAN PROSPERO – Il gruppo consiliare San Prospero per il Cambiamento contesta in una nota stampa gli aumenti decisi in consiglio comunale del 15 giugno, in un momento di difficoltà economiche per i cittadini di san prospero che si troveranno ad un esborso maggiore di circa 400.000 euro in più per assestare il bilancio. Riportiamo in forma integrale:

Consiglio corposo quello di ieri, dove sono stati affrontati vari temi importanti dopo 4 mesi di inattività. Il gruppo Consiliare San Prospero per il Cambiamento, in coerenza e con spirito costruttivo con cui sta affrontando da sempre il confronto politico con la maggioranza, ha votato a favore alcuni ordini del giorno in tema di modifiche di regolamenti e criteri di ripartizione di trasferimenti all’Ucman.

Abbiamo invece manifestato il nostro dissenso quando sono stati affrontati gli argomenti di bilancio (approvazione del DUP e bilancio di previsione 2020-2022) con relative modifiche regolamento addizionale Irpef e Imu, quando abbiamo appreso che erano stati previsti aumenti di tutte le aliquote, ed in particolare l’aliquota ordinaria da 0.98 a 1.06, per gli alloggi Acer da 0.5 a 0.6 per i terreni agricoli da 0.91 a 1.06 e per le abitazioni locate con contratto da 0.86 a 1.06 (ad eccezione per aliquota prevista per i terreni di cui all’art 1 del D.lgs 99/2004). Si precisa che l’aliquota 1.06 è la massima consentita.

Nel nostro Comune l’Irpef (Imposta Reddito Persone Fisiche) aveva un addizionale che partiva dallo 0.55% (per un reddito da 0 a 15.000 E) fino ad arrivare allo 0.75% (reddito oltre 75.000 E) con varie fasce intermedie. Il consiglio di ieri ha approvato un aumento che parte da un addizionale dello 0.72 (fascia 0/15.000) fino ad un massimo di 0.80 (fascia pù alta). L’addizionale non è dovuta per un reddito inferiore ai 7.500 euro.

Questi aumenti porteranno ad un esborso di circa 400.000 euro in più per i cittadini sanprosperesi ed avranno una decorrenza (IRPEF) dal 1 gennaio 2020.

Ora, se è vero, come ci hanno spiegato in consiglio, che il Comune di San Prospero aveva le tariffe più basse rispetto ad altri comuni è indiscutibile che questo è un periodo di crisi storico, dove i cittadini  dovranno affrontare difficoltà economiche importanti, con le previsioni di un futuro incerto per il quale gli analisti di settore ci dicono che la ripresa sarà lenta e possibile solo se accompagnata da aiuti economici europei; pertanto, tutto si poteva pensare tranne che aumentare la pressione fiscale, anzi secondo noi andavano studiate misure di sostegno alle famiglie più incisive di quelle previste.

Abbiamo provato a far recedere la maggioranza su questi punti ma abbiamo capito che la decisione era stata già approvata da tempo per cui ci siamo limitati, nostro malgrado, a votare contro.

Ci lasciano perplessi comunque le motivazioni, ovvero che per far quadrare il bilancio c’era bisogno di maggiori entrate, per mantenere servizi sociali e scolastici (ma questo già avviene con il conferimento dei servizi in Ucman che ci costa 1.800.000 euro circa) o per ridurre il debito pregresso (mutui che secondo noi possiamo ridurre in un secondo tempo) ma anche per rilanciare alcuni lavori strutturali, ovvero, da quanto abbiamo sentito e letto, lavori di Villa Tusini, la pista ciclabile San Lorenzo, rifacimenti dei cimiteri di Staggia e San Prospero e interventi sulle scuole, tutti lavori che però sono già stati coperti, quasi totalmente con  finanziamenti esterni e non con risorse (se non con piccole quote) del Comune.

Forse sarebbe stato anche più accettabile se a fronte di questi aumenti si fosse riuscito a garantire in uscita un maggiore stanziamento sulle voci infrastrutturali, vedi le strade comunali, alcune delle quali sono in condizioni pessime, o migliorare la pulizia del verde e il decoro cittadino, ma da quanto ci è sembrato di capire le somme previste sono pari a quelle degli scorsi anni, con il rischio di un peggioramento serio della nostra viabilità.

Riteniamo in futuro che i cittadini debbano essere informati correttamente sulle motivazioni per le quali il Gruppo Consiliare San Prospero per il Cambiamento si è espresso e ha votato contro gli OdG proposti e non come è stato fatto ieri, in maniera parziale e  superficiale, sulla pagina del sito ufficiale del Comune, su cui chiediamo di poterci esprimere, senza dover ricorrere a comunicati stampa, rassicurando chi ha scritto il post che d’ora in poi ci sforzeremo per fare solo “interventi opportuni” e – aggiungiamo noi – graditi!